Accedi ai contenuti
Registrati »
Accedi ai contenuti
Registrati »
HomeRassegna Stampa
Archive

Alcuni emendamenti presentati alla Camera dei Deputati in seno alla Legge di conversione del DL 19 maggio 2020, n. 34, hanno acceso un pubblico dibattito. Ci riferiamo, in particolare, agli emendamenti che mirano ad istituire un percorso di formazione specialistica per la medicina generale, allineando l‘Italia al resto d'Europa.

Sì chiama ICUAW Intensive Care Unit-Acquired Weakness (debolezza muscolare acquisita in terapia intensiva) ed è il termine che definisce una debolezza muscolare acquisita in pazienti critici, in assenza di altre cause identificabili, al di fuori della malattia critica.

La pubblicazione descrive le azioni programmate e attuate dalle Regioni in Piano di Rientro per individuare quali interventi si siano dimostrati maggiormente efficaci nel riqualificare la spesa farmaceutica e l’accesso al farmaco equo e sostenibile.

Ritardi, errori e dietrofront: l’Oms è sotto tiro per la gestione della pandemia. Ma a ben guardare ha poche colpe. E oggi ne abbiamo più bisogno che mai, anche se sopravvive con un budget ridicolo e non ha potere sugli Stati.

La riforma della governance deve prevedere al più presto la revisione dei tetti di spesa, dei meccanismi di prezzo e rimborso e soprattutto delle forme di distribuzione di diverse categorie di farmaci fuori brevetto, puntando a riportare nell'armamentario del Mmg e nella rete territoriale delle farmacie tutti i prodotti che ne sono stati finora artificiosamente esclusi.

Lo riporta una review pubblicata sulla prestigiosa rivista scientifica. I farmaci multispecifici – diretti non a un solo target, ma a più target – potrebbero aprire la strada a potenziali nuovi soluzioni per combattere malattie che oggi sono definite come "non trattabili".

Contro la disinformazione e la cattiva scienza scende in campo anche il Massachusetts Institute of Technology di Boston, in collaborazione con l’Università di Berkeley in California, con una nuova rivista: “Rapid Reviews: Covid-19”, lanciata da Mit Press, la sua casa editrice.

/