Accedi ai contenuti
Registrati »
Accedi ai contenuti
Registrati »
HomeA colloquio con
Archivio

Massimo Boni, A.O.U. Maggiore della Carità di Novara e Fiorenza Enrico, Fondazione del Piemonte per l'Oncologia - IRCCS Candiolo, si confrontano sui nuovi scenari che vedono il farmacista ospedaliero sempre più "protagonista", anche in ambito oncologico.

Celestino Bufarini, Responsabile U.O.C. Farmacia Ospedaliera AREA VASTA 1 ASUR Marche, descrivendo le sue differenti esperienze lavorative evidenzia le molte sfaccettature di una professione in un cui l’innovazione tecnologica e l'importante ruolo di counseling del farmacista devono necessariamente viaggiare di pari passo.

Paolo Pronzato, Direttore U.O. Medica 2, IRCCS AOU San Martino, Genova e Sabrina Beltramini, Direttore f.f. U.O. Farmacia, IRCCS AOU San Martino, Genova, si confrontano sul tema della gestione dei limiti di budget anche alla luce del continuo flusso d’innovazione.

La figura del farmacista ospedaliero assume un ruolo sempre più rilevante all’interno di strutture multispecialistiche complesse.

Il farmacista ospedaliero ha sempre ricoperto un ruolo rilevante nelle sperimentazioni cliniche. Tuttavia, ad oggi, le good clinical practice sul tema non vengono ancora applicate in modo uniforme: ne parliamo con Angelo Claudio Paolozzo.

La professione del farmacista ospedaliero è enormemente cambiata nel corso di quest’ultimo decennio. Vengono richieste allo specialista del settore competenze sempre più specifiche. Ne parliamo con Emanuela Omodeo Salè, Direttore IEO, Milano, Responsabile Area Scientifico Culturale SIFO Oncologia.

Fabrizio Festinese, ASST di Lodi, Segretario nazionale SIFACT, descrive i cambiamenti che ha vissuto in questi anni la professione di farmacista ospedaliero, figura chiave all’interno del network diagnostico-terapeutico, in prima linea nel processo di presa in carico multidisciplinare del paziente.